Indietro
azienda-agricola-francesco-de-tacchilogo-presidio
Azienda Agricola Francesco De Tacchi

Riso Vialone Nano Stagionato 22 Mesi PRESIDIO SLOW FOOD – 500g

4,16

Pezzo atm 500 gr

24 disponibili

Descrizione

Descrizione

Il riso Vialone Nano stagionato è ottenuto mantenendo per 22 mesi in appositi sili ventilati il chicco di riso “vivo”, detto risone. La semente, tendendo a disidratarsi e a compattarsi, assorbe gli oli contenuti nel germe e la vitamina “A” dalla “lolla” esterna, che gli conferisce anche una caratteristica colorazione giallastra. È un procedimento del tutto naturale, che esalta le caratteristiche del chicco di riso e inoltre gli conferisce un’eccezionale capacità di crescita in cottura, rendendolo particolarmente adatto alla preparazione dei risotti.
Ingredienti:
Riso Vialone Nano 100% Italiano

Informazioni aggiuntive

Informazioni aggiuntive

Brand

Presidio Slow Food

Logo presidio

Spedizione & Consegna
Tutte le nostre spedizioni vengono effettuate entro 24 ore dalla ricezione dell'ordine. I tempi di consegna possono variare da 48/72 ore. Il costo di spedizione è di euro 5,90 fino a 25 kg.
Su Azienda Agricola Francesco De Tacchi
La coltivazione del riso nel piccolo ed antico paese di Grantorto Vicentino, divenuto nel tempo Grantortino, coincide con la storia dell’uso di questo cereale nella Repubblica di Venezia. Venezia ricavò le sue enormi ricchezze commerciando con l’Oriente, e venne molto presto a conoscenza del riso, che importò assieme alle spezie. A quei tempi il riso non era ancora considerato un alimento, ma un medicinale e come tale venduto nelle “spezierie” (farmacie). Quando la scoperta dell’America mise in ombra l’interesse europeo per le spezie orientali, i traffici commerciali di Venezia si arrestarono e quindi, con la diminuzione delle importazioni dall’Oriente, divenne difficile comprare il riso. Dato che il suo consumo si stava diffondendo anche come alimento, i Patrizi Veneziani, non più commercianti ma proprietari terrieri, ne vollero iniziare la produzione. In un primo momento la Serenissima fu contraria a concedere i diritti di irrigazione necessari alla coltura, perché avrebbe perso definitivamente gli introiti derivanti dai dazi doganali e, per di più, sarebbe stato necessario scavare nuovi canali e deviare corsi d’acqua con interventi molto costosi. Quando i patrizi veneti presentarono le “suppliche” per l’ottenimento dei diritti di irrigazione, questi furono quindi concessi con grande parsimonia dai magistrati delle acque (detti “Provveditori sopra li beni inculti”).
COD: 4105 Categorie: , ,