In arrivoass-pisello-cento-giorni-del-vesuviologo-presidio
Ass Pisello Cento Giorni del Vesuvio

Fagiolo dente di morto di Acerra – 300g

8,10

Busta 300g

Esaurito

Descrizione

Descrizione

Il Fagiolo dente di morto di Acerra ha la buccia sottile e cuoce rapidamente, caratteristiche dovute alla coltivazione su terreni di natura vulcanica ricchi di elementi nutritivi. L’eccellente pastosità e il sapore intenso ne fanno un ingrediente caratteristico delle ricette della tradizione gastronomica napoletana: pasta e fagioli, zuppe. Il nome è legato al colore bianco opaco, simile appunto al colore dei denti di un morto. Infatti in questa zona già dall’epoca paleocristiana vi erano numerosi luoghi di sepoltura e questo deve aver spinto la popolazione locale ad assegnargli questo nome. Negli ultimi decenni la coltivazione si è drasticamente ridotta a causa delle modifiche delle abitudini alimentari e la forte crescita di fagioli importati, solo grazie al Presidio Slow Food è ripartita una produzione stabile di questo legume.

Scad. 12/10/2022
Ingredienti:
Fagiolo dente di morto di Acerra (Cat. 1°)

Valori nutrizionali medi per 100g di prodotto: Energia 1321KJ 311Kcal Grassi 1,6g di cui saturi 0g Carboidrati 45,5g di cui zuccheri 2,9g Fibre 17,6g Proteine 24,7g Sodio 0,1g

Informazioni aggiuntive

Informazioni aggiuntive

Brand

Presidio Slow Food

Logo presidio

Spedizione & Consegna
Tutte le nostre spedizioni vengono effettuate entro 24 ore dalla ricezione dell'ordine. I tempi di consegna possono variare da 48/72 ore. Il costo di spedizione è di euro 5,90 fino a 25 kg.
Su Ass Pisello Cento Giorni del Vesuvio

L'area del Vesuvio è uno scrigno di biodiversità: il mare, la montagna, il vulcano, la varietà dei luoghi, gli splendidi scorci naturalistici, le tante specie di piante, animali, minerali, i tanti paesi ognuno con la propria storia e tradizione, rendono quest'area unica e affascinante. Il Vesuvio è uno dei vulcani più studiati e conosciuti del mondo. Simbolo della città di Napoli e di tutto il territorio circostante con la sua sagoma inconfondibile, ha una tipica forma tronco-conica il cui punto più alto raggiunge i 1.277 m s.l.m. Le prime presenze attestate dell’uomo nell’area vesuviana risalgono circa al terzo millennio a.C.: si tratta dunque di un territorio fortemente e lungamente antropizzato, sfruttato per la grande fertilità della sua terra e per le opportunità che questo offriva. I terreni lavici ricolonizzati e ristabiliti hanno costituito, e costituiscono tuttora, ottimi suoli per le coltivazioni, il pascolo e altre attività legate alla produzione agricola e forestale. Slow Food Vesuvio nasce per salvaguardare e tutelare la biodiversità dell’area del Vesuvio e in particolare per tutelare la dignità dei sapori locali, delle tradizioni che permettono alla biodiversità vesuviana di continuare a esistere. In occasione di Terra Madre Salone del Gusto 2020 i produttori dei Presidi di quest'area si mettono insieme per proporre i loro prodotti e regalarvi profumi e sapori di questa terra.